Skip to main content

Cookies and Privacy

We use cookies to improve your experience on our website. To find out more, read our updated Cookie policy, Privacy policy and Terms & Conditions

barro6_ZachGibsonGettyImages_jeromepowellupset Zach Gibson/Getty Images

La politica sta condizionando la Fed?

CAMBRIDGE – Tra i primi anni ottanta del Novecento e l’inizio della crisi finanziaria nel settembre 2008, la Federal Reserve sembrò seguire una politica coerente nell’adeguare il suo tasso di interesse a breve termine più importante, quello sui fondi federali. Tre erano le condizioni essenziali del processo: il tasso di interesse nominale doveva salire più di quello d’inflazione, doveva aumentare in risposta a un consolidamento dell’economia reale, e doveva tendere a un valore normale di lungo termine.   

Di conseguenza, era possibile desumere il tasso normale a partire dal valore medio del tasso dei fondi federali nel corso del tempo. Tra il gennaio 1986 e l’agosto 2008, tale valore ammontava al 4,9%, mentre il tasso d’inflazione medio corrispondeva al 2,5% (in base al deflatore dei consumi privati), vale a dire un tasso reale medio del 2,4%.  

Il tasso reale a lungo termine può essere considerato una proprietà emergente dell’economia reale. Da un punto di vista degli investimenti e del risparmio, l’equilibrio economico compensa il vantaggio di un tasso di interesse reale basso e sicuro (che fornisce credito a basso costo per gli investitori) con quello di un tasso reale elevato (che implica maggiori rendimenti per i risparmiatori). 

We hope you're enjoying Project Syndicate.

To continue reading, subscribe now.

Subscribe

Get unlimited access to PS premium content, including in-depth commentaries, book reviews, exclusive interviews, On Point, the Big Picture, the PS Archive, and our annual year-ahead magazine.

https://prosyn.org/JhWIoc8it;